Mercoledì 18 Maggio 2022

FB fci bolognese     50px YouTube

CICLONEWS

A Montecchio di Negrar venne il giorno di Kajamini che trionfa in solitudine.

Era nell’aria e puntualmente è arrivata, nell’arrivo in salita di Montecchio di Negrar, Florian Kajamini ha conquistato il meritato successo dopo diversi piazzamenti e ottime prove: su di un percorso che si adattava ai propri mezzi, ha sferrato l’attacco decisivo a due km dall’arrivo non lasciando scampo ai compagni di avventura.

image022 300xI 173 concorrenti dovevano affrontare un anello vallonato per nove volte attorno a Corrubbio di Negarine per poi portarsi verso il traguardo di Montecchio con gli ultimi sei km in costante salita: i ragazzi dell’Italia Nuova controllavano la corsa fin dall’inizio inserendo nella fuga principale di dodici elementi Montefiori e Sofia. Raggiunti questi il folto gruppo si portava verso la salita, dove avveniva la selezione, nel finale al comando rimanevano in sette fino al momento dello scatto di Kajamini che si lasciava alle spalle i veronesi De Cassan e Disconzi. Una vittoria che conferma il buon momento di questo ragazzo, da quando è partita questa tribolata stagione si è sempre fatto notare, un po’ di rammarico per il giorno precedente al campionato italiano di Montegrotto dovimage023 300xe Kajamini è stato messo fuori corsa da una caduta, campionato vinta dal lombardo Montoli sul laziale Germani e al modenese Calì, una bella storia quella di Montoli che a 15 anni ha dovuto interrompere l’attività ciclistica per un linfoma mediastino ai polmoni, con sei cicli di chemioterapia ha sconfitto il male ed è ritornato alle corse lo scorso anno con ottimi risultati, una bellissima storia a lieto fine.

La stagione prosegue intensa, venerdì Montefiori e Kajamini parteciperanno al campionato italiano a cronometro a Orsago in provincia di Treviso, sabato appuntamento con la Sandrigo – Monte Corno con arrivo in salita, domenica corsa pianeggiante a Villadose in provincia di Rovigo.

 

 

Tour Ruote Blu 2020

locandina tour Ruote BluDa sempre il nostro Comitato Provinciale è attento alla attività ciclistica dei Diabetici.

Gli Atleti Diabetici dell' ANIAD (Associazione Nazionale Italiana Atleti Diabetici) anche quest'anno, nonostante le problematiche Covid, sono riusciti a mettere in moto una ciclopedalata denominata Tour Ruote Blu 2020 che dal 6 al 12 Settembre porterà gli atleti da Tivoli a Castelnuovo del Garda.

Giovedì 10 Settembre faranno tappa a Bologna e sarà nostra cura accoglierli ed accompagnarli pedalando con loro negli ultimi chilometri del percorso (nel rispetto delle restrizioni Covid19), nonchè di consegnare un nostro Gagliardetto Ricordo quando in serata troveranno alloggio presso l'Hotel Best Western Plus Tower.
 
 

Una famiglia di campioncini

Quelli della mia età ricorderanno i fratelli Petterson, quattro fratelli Svedesi, Gosta – Sture – Erik – Thomas, tutti ciclisti, tutti arrivati al Professionismo dopo avere vinto tre Mondiali nella Cento Km. a Squadre, tutti e quattro alla corte di Alfredo Marini nella Ferretti dove il più grande, Gosta, si aggiudicò, e ad oggi è l’unico Svedese ad esserci riuscito, il Giro d’ Italia.

E allora ? Si chiederà qualcuno…

A Bologna, per la precisione a Pianoro, c’è una Famiglia che sta crescendo sulla falsa riga dei Petterson….hanno solo il problema che non potranno essere un giorno tutti compagni di squadra perché sono tre fratelli ed una sorella.

E’ la Famiglia Kajamini ed i ragazzi sono Jonathan, Sebastian, Florian ed Annaluna.

Capo Famiglia la mamma, Saskia De Zwart, alla quale chiedo come nasce nella Famiglia la passione per il ciclismo e la laconica risposta è… “non saprei”, forse, azzardo io, essendo di origini Olandesi, si nasconderà nel suo Dna questa passione visto che in Olanda il ciclismo è quasi lo sport nazionale, ma pare che anche questa possibilità non ci sia.

Il primo ad iniziare a pedaJonathanlare è stato Jonathan, attratto dal Circuito Protetto della Ciclistica Pianorese dove vedeva pedalare alcuni dei suoi amici e compagni di scuola, e dopo di lui tutti gli altri hanno seguito il suo esempio.

E qual’ è la peculiarità della Famiglia Kajamini, sono tutti e quattro ciclisti ma, soprattutto, tutti e quattro hanno conquistato Titoli o Italiani o Regionali o Provinciali.

Cominciamo a conoscerli partendo dal più grande e capostipite della scelta ciclistica  –  JONATHAN  –  Nato il 6 Aprile del 2000 . Comincia a gareggiare nel 2009 nella Categoria Giovanissimi G3 appunto nella Pianorese e subito al primo anno ottiene il primo successo.

Leggi di più

3 giorni Orobica. 19 - 22 luglio 2018

Ancora uno splendido risultato della Bologna che pedala, e senza mancare di rispetto a nessuno, mi riferisco agli Atleti Juniores della Provincia di Bologna che sono nuovamente grandi protagonisti.

Dopo lo splendido Campionato Italiano che ha visto protagonista Filippo Baroncini della Italia Nuova che ha conquistato il terzo gradino del Podio, dopo lo splendido Giro del Friuli che ha visto protagonista Andrea Cantoni sempre dell' Italia Nuova e del quale abbiamo già parlato nel precedente articolo, sono adesso tre Atleti Bolognesi a tenere alti i colori Provinciali.

Si disputerà da Giovedì 19 a Domenica 22 Luglio la 3 Giorni Orobica, gara Nazionale a Tappe riservata alla categoria Juniores, alla gara parteciperà una rappresentativa della Regione Emilia Romagna composta da sei Atleti, bene tre di quei sei atleti appartengono a Società Bolognesi e questo la dice lunga sulla qualità del lavoro delle nostre Società e dei loro Staff Tecnici.

Leggi di più

Giro del Friuli 2018 categoria Juniores

Si è corso sabato 30 Giugno e Domenica 1 Luglio la Sedicesima Edizione del Giro del Friuli Venezia Giulia, gara Nazionale per Juniores dove gli Atleti delle due Società Bolognesi della Categoria hanno lasciato il segno.

Sia la Società Ciclistica Italia Nuova che la Polisportiva Villafontana si sono infatti presentate ai nastri di partenza, dopo aver ricevuto l'invito degli Organizzatori, scelta  che le ha obbligate a rinunciare alla Cronoscalata Bologna-San Luca (valida per Campionato Regionale e Provinciale) ma è stata una scelta che ha pagato.