Mercoledì 30 Settembre 2020

FB fci bolognese

È stata una Bologna Cycling Cup dai grandi numeri l’edizione 2019 che si è appena conclusa.

Quattro prove per le categorie esordienti; nove quelle per la categoria allievi. Quasi 1800, complessivamente, i partecipanti alle prove in programma; 112 le società che da tutta la penisola hanno raccolto la sfida e dato lustro e risalto agli organizzatori Bolognesi. Numeri significativi che ci spronano a continuate su questa rotta, con manifestazioni che sono il fior fiore del calendario regionale e questo nonostante la forzata defezione del memorial Ermanno Mioli a causa di una infausta concomitanza di calendario senza la quale avremmo certamente sforato il tetto dei duemila partecipanti.
Una formula avvincente che abbisogna ancora di qualche piccolo correttivo allo studio del comitato organizzatore per diventare ancora più intrigante ed affascinante.

La Bologna Cycling Cup per esordienti ha visto primeggiare i Campioni Italiani in carica; Franco Cazzarò della Pol. Sammarinese (tra i pluri vittoriosi in campo nazionale con15 successi e tricolore di categoria) si è aggiudicato tre delle quattro prove in programma davanti a Giacomo Casadio (Pedale Azzurro Rinascita) e al veneto Filippo Consolini (Velo Club Valeggio).

Nei secondo anno la classifica ha visto primeggiare l’altro tricolore, Thomas Capra del Veloce Club Borgoche nella stagione ha all’attivo 23 vittorie davanti al romagnolo Pietro Dapporto ed al Veneto Tommaso Salami della Mincio Chiese.

Una classifica “stretta” quella delle Società esordienti e valida per il significativo montepremi messo in palio dal Comitato Provinciale Bolognese dove ha vinto la Pol. Sammarinese con 88 punti davanti al Pedale Azzurro Rinascita con 68 ed alla Alma Juvenes Fano con 59.

Più articolata la Bologna Cycling Cup per gli allievi che prevedeva tre distinte classifiche.

La Bologna Sprinter Cup dedicata alle ruote veloci ha visto Luca Varroni del Team Ciclistico Paletti con una vittorie ed un secondo posto primeggiare davanti a Claudio Vergnani (SC Massese) e Sergio Rotundo (US Calcara). Vergnani ha inoltre conquistato la speciale classifica dei neo allievi.

A Nicolò Costa Pellicciari della SC Ceretolese 1969 è andata la classifica della Bologna Runner Cup; terzo a Zola, primo ad Imola e sesto in quel di Castel de Britti, l’atleta di Patron Chini (cinque i suoi successi stagionali) ha sorpassato all’ottimo Luca Varroni (protagonista anche in questa difficile classifica) e a Mikael Rocchi della Codifiume.

Chiudeva la Challenge Bolognese la Bologna Hero Cup, la novità 2019 con due gare che comprendevano tratti in sterrato e che a conti fatti ha riscosso pieno apprezzamento dalle Società partecipanti.

Il trionfatore è stato il cremonese Alessandro Ronchini (che ha vinto anche la speciale classifica dei primo anno) il quale, trionfando a Gaggio di Piano, ha spodestato gli alfieri della SC Ceretolese Alessandro Messieri e l’ottimo Nicolò Costa Pellicciari ai quali sarebbe bastato un piazzamento per mantenere la leadership.

Due prove sono poche hanno commentato gli organizzatori; alla Hero è mancato lo spareggio che avrebbe reso ancor più intrigante e combattuto una classifica che si è dimostrata, comunque avvincente e spettacolare. Una formula azzeccata; cercheremo di metterla in campo fin dalla prossima edizione.

La SC Ceretolese 1969 potrà però festeggiare a fine anno il suo cinquantesimo dalla fondazione con il significativo montepremi la vittoria della Bologna Cycling Cup 2019 meritatamente conquistata con 167 punti davanti al Team Ciclistico Paletti con 123 ed alla Massese con 121 punti.

La Bologna Cycling Cup prevedeva anche un riconoscimento speciale all’atleta di primo e di secondo anno che avesse raggiunto il miglior punteggio sommando tutte le classifiche.

Ha vinto lo speciale Nettuno in bronzo in edizione speciale, limitata e numerata, per i secondo anno Nicolò Costa Pellicciari con 64 punti davanti a Luca Varroni con 54 e Messieri Alessandro con 46.

Il trofeo per i primo anno sarà invece assegnato a Claudio Vergnani della SC Massese, un sodalizio che ha fatto vedere ottime cose tra i primo anno e che  vorrà senz’altro tentare l’affondo nella prossima stagione.

Per le premiazioni finali e la consegna degli ultimi trofei e dei montepremi l’appuntamento è a gennaio al Bologna Cycling Festival, la vetrina di tutte le Società Bolognesi.

Visualizza le classifiche finali della Bologna Cycling Cup 2019